cat-4061603_1280

Sono molto di moda ultimamente gli articoli e le ricerche scientifiche che mostrano tutti gli effetti benefici che gli animali hanno sulla salute umana.

Cani e gatti ad esempio sono capaci di abbassare la pressione arteriosa, rallentare il battito cardiaco, ridurre lo stress.

Ma non solo: avere gatti aiuta a combattere l’insonnia, gli stati ansiosi e aumenta la ripresa e la guarigione di moltissime patologie.

Un altro argomento molto attuale è la pet-therapy: questa forma di terapia consiste nel beneficiare in maniera sistematica e ripetuta della presenza di un animale da compagnia e, come dicevamo, dei suoi effetti benefici.

Ma con questi presupposti, a mio modo di vedere, la pet therapy è solo un grande bluff.

Mi spiego meglio. Molte persone pensano che basti adottare un cane o un gatto per ricevere automaticamente dei benefici, dando per scontato che la sola presenza dell’animale possa comportare gli effetti desiderati sul proprio corpo o sulla propria psiche.

Peccato però che, a mio avviso, due errori molto gravi, stiano alla base di questo ragionamento.

gatto

Il primo è che quello che ciò che cura sia “la presenza”. Niente di più sbagliato. Quello che cura è LA RELAZIONE che saremo in grado di instaurare con quel cane o con quel gatto. E le relazioni si sa, si costruiscono piano piano, con pazienza, con dedizione, con interesse. Ci vuole tempo e ci vuole amore, non c’è niente di automatico.

Si pensa che basti portare il cane nelle corsie degli ospedali e farli accarezzare dai bambini per mezz’ora alla settimana: si pensa che questa sia pet-therapy. Ma l’animale in quanto tale non ha nessun ruolo in questa forma di terapia, è solo una forma di distrazione, come potrebbe essere un clown o un calciatore famoso.

Perchè, lo ripeto, ciò che cura non è il gatto in sè ma la relazione che riuscirete a creare con lui nel corso della vostra vita.

E una buona relazione non avverrà mai se il presupposto dell’adozione è “prendo un gatto perchè mi farà stare bene”. Questo infatti è l’altro grande errore su cui si basa la pet-therapy. Aspettarci che l’animale dia qualcosa a noi. Quando si adotta un animale dovremmo invece chiederci: cosa posso fare io per lui? come potrei io aiutare questa vita?

Solo partendo da questa domanda sarà possibile in futuro beneficiare di tutte le cose preziose che un animale saprà donarci.

 

Gattari lo so che è un argomento spinoso. A maggior ragione sono curiosissima. Voi cosa ne pensate?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.