animals-2939715_1280

 

Oggi parliamo di cibo per gatti, in pratica di un giungla dove ognuno di noi spesso si perde e soccombe. Ebbene si perchè tra duemila marche diverse, gusti, buste e lattine c’è davvero da perdere la testa.

Il tema di cui vorrei parlare oggi è della differenza tra cibo complementare e cibo completo: proviamo insieme a fare un po’ di chiarezza.

Cibo completo

Come dice la parola quando su una confezione trovate questa dicitura significa che quel prodotto, per come è stato strutturato, è capace, da solo, di soddisfare completamente il fabbisogno nutrizionale del gatto in ogni singolo pasto. In teoria quindi, potrebbe essere dato sempre, tutti i giorni, senza bisogno di aggiungere nient’altro (in realtà non è proprio così, e dopo vi spiego perchè). . Molto frequentemente il cibo secco (croccantini) si presentano come cibi completi: occorre però sempre verificare di marca in marca.

gatto croccantini

Cibo complementare

Anche in questo caso ci viene d’aiuto la parola complementare, termine che ci indica un qualcosa che, per essere completo ha bisogno dell’aggiunta di qualcos’altro (altri ingredienti).  I cibi complementari infatti hanno bisogno di essere associati a qualche altro nutrimenti (di solito, come dicevamo primo, una dose di cibo secco).

Ma quindi, chi vince?

Ovvero: cosa devo dare al mio gatto? un cibo completo oppure più  prodotti che si completino tra di loro? Cos’è meglio?

Diciamo che una risposta univoca e assoluta non esiste. Ognuno ha un po’ le sue teorie. Sicuramente offrire un unico cibo completo ogni giorno sembra la scelta più ovvia e anche la più semplice. E non è nemmeno del tutto sbagliata, per carità.

Ma se pensiamo all’alimentazione umana noi quando ci alziamo da tavola non ci poniamo mai la domanda se il nostro pasto sia stato rigorosamente “completo” oppure no. Anche perchè facciamo affidamento sulla varietà e sull’alternanza dei cibi che andremo ad ingerire all’interno della giornata e, in prospettiva più ampia, all’interno della nostra settimana. Con i gatti è un po’ la stessa cosa. Inoltre abbiamo già parlato dell’importanza nel variare la loro dieta, in quanto soddisfa un loro istinto ancestrale e predatorio. Quindi, a meno che non ci siano specifiche indicazioni veterinarie per motivazioni particolari, è consigliabile variare e offrire ai vostri gatti una dose di croccantini (alimento completo, utile per la masticazione) e cibo umido (capace di stuzzicare l’appetito del vostro gatto e importante per l’idratazione).

gatti mangiare

 

Ma se io associo un cibo completo ad uno complementare che succede?

La risposta è niente: l’importante è che le dosi totali giornaliere rientrino in quelle consigliate in base al peso, allo stile di vita e all’età del vostro gatto.

Cari gattari, a questo punto non mi resta che sperare di aver contribuito a chiarivi un po’ le idee. E poi vi aspetto nei commenti: sono curiosa di sapere voi come vi trovate meglio nell’impostare la dieta del vostro micio <3

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *