Terremoto: come mettere in salvo i propri animali?

In queste ore a Firenze e dintorni si sta vivendo con un po’ di ansia in più: un sciame sismico sta interessando il nostro territorio, con scosse più o meno intense che si ripropongono nel corso della giornata.

La fifa è d’obbligo. E in quanto persona gatto-munita la mia ansia coinvolge anche gli animali che abitano con me. La domanda infatti sorge spontanea: in caso di terremoto serio, come mettere in salvo non solo me stessa ma anche i miei gatti?

Per chi ha un cane tutto è più semplice. Infatti i cani sono solitamente molto più gestibili: se sono piccoli si prendono in braccio e via, ma anche se sono di taglia un po’ più grande con l’uso del guinzaglio è abbastanza facile riuscire a metterli in salvo insieme a noi.

Ok, quindi con i cani ci siamo. Ma con i gatti? Ho cominciato dunque a guardare sul web se ci fossere nozioni o articoli che riguardano  questo argomento. Vi dirò, poca roba. Tanti post sulla presunta (molto presunta) capacità degli animali di prevedere i terremoti ma quasi nessuna indicazione di comportamento su cosa fare durante un terremoto in atto.

Però, tra siti americani e qualche consiglio scovato qua e là vi riassumo quello che ho trovato, sperando vi sia utile:

Innanzi tutto tenete un trasportino sempre a portata di mano. Durante il terremoto i gatti potrebbero avere due reazioni: 1- quella di nascondersi in posti da loro considerati sicuri (sotto il letto, sotto il divano, sotto il tavolo. 2- tentare di fuggire (dalla finestra, dalla porta).

Nel primo caso lasciateli fare, non tentate di trattenerli (potrebbero diventare aggressivi e tra l’altro il posto da loro scelto potrebbe realmente rivelarsi utile). Se riuscite a prenderli senza traumatizzarli metteteli nel trasportino e portateli in salvo con voi.

Nel caso invece che tentino di fuggire fate attenzione che in preda al panico non si buttino da finestre o terrazzi. Se sono davanti alla porta cercate di prenderli (anche per la collottola) e metteteli in gabbietta.

Se invece siete costretti ad uscire senza trovarli ricordatevi di chiudere la porta dietro di voi. Appena sarà possibile i vigili del fuoco torneranno a metterli in salvo, oppure se la casa non ha subito danni potrete tornare voi stessi a recuperarli proprio come successe a molte famiglie all’Aquila anni fa.

Poche regole ma che potrebbero rivelarsi utili. Nella speranza di non doverle mai mettere in pratica.

 

Pubblicato in Blog | Lascia un commento

L’unica cosa che porta sfiga è la tua ignoranza

17 novembre, Giornata Nazionale del Gatto Nero. Per dire NO ad ogni forma di superstizione.

Per dire NO ad ogni forma di discriminazione per il colore del mantello. Rosso, tigrato, bianco, pezzato, nero, per noi sono tutti uguali. La stessa dose di amore.

17 novembre, un giornata per dire che l’unica cosa che porta sfiga è la tua ignoranza.

Pubblicato in Blog | Lascia un commento

La favola di Pawpost

Vi racconto la favola di Pawpost.

C’era una volta una gattara , contattata via web per testare un nuovo servizio di abbonamento di prodotti per animali.

La gattara accettò, incuriosita dalla novità.

Un bel giorno la scatola arrivò. E fu amore a prima vista. I gatti vi si tuffarono dentro e la gattara cominciò ad ammirare tutti i prodotti che essa conteneva.

Per la precisione ecco cosa c’era nella mao-scatola:

-Una scatola di un Alimento Complementare per gatti, tipo croccantini (Lily’s Kitchen).  Ettore purtroppo ha la sua alimentazione specifica per gatti che soffrono di struvite ma alla Sissi sono piaciuti tantissimo. Anche il contenitore è carinissimo, riutilizzabile e  con un tacco ermetico che è una meraviglia.

-Un gioco per gatti tutto in cotone e progettato per stimolare l’interazione micio-umano (www.ancolpetproduct.co.uk). I miei gatti ci hanno messo un po’ a capire di cosa si trattava (qui vedete l’ispezione olfattiva a cui è stato sottoposto) ma poi è stato adottato.

-Un altro giochino, questa volta una tartarughina con del catnip inseribile all’interno (www.kongcompany.com).

(Ma voi lo sapete cos’è il catnip? Dalla pianta Nepeta Cataria si ottiene questa polverina che piace tantissimo ai gatti in quanto contiene dei principi olfattivi che attraggono tutti i felini. Purtroppo in Italia non si trovano in commercio molti giochini con il catnip quindi potete immaginare la mia felicità quando ho scoperto la tartaruga con il catnip inseribile. Ettore è impazzito e l’ha eletta come giochino preferito del mese. Ci si addormenta abbracciato. E ho detto tutto)

-Un integratore da aggiungere ai pasti del proprio micio che serve per migliorare la condizione del pelo, della pelle e la loro salute in generale (Seahors Atlantic).

-Un treat Bag ovvero una bustina in tela molto maofashion che può sempre fare comodo.

Questa favola ha il lieto fine: ho sottoscritto l’abbonamento per sei mesi perchè davvero ne volevamo altre.

Pawpost come vi dicevo è un servizio in abbonamento attraverso il quale ogni mese ti arriva direttamente a casa tua una scatola con dentro degli oggetti e del cibo per il tuo pet. Le scatole ovviamente sono diverse a seconda se hai un cane o un gatto.

Le cose belle di pawpost:

-le scatole sono personalizzate, con tanto di cartolina per i tuoi pets.

-ogni scatola è diversa da un’altra dandoti modo di provare sempre nuovi prodotti

-ogni scatola è una sorpresa

-tutti i prodotti contenuti sono venduti ad un prezzo minore di quello che troveresti in commercio normalmente e sono scelti accuratamente con una particolare attenzione alla qualità dei prodott

-per aiutare anche i cani e i gatti meno fortunati, PawPost si lega a Secondazampa, a supporto della battaglia contro l’abbandono dei cani, e dona 1Euro per ogni scatola acquistata agli animali in difficoltà.

Per saperne di più potete visitare il loro sito http://pawpost.it/ oppure cercateli su facebook (https://www.facebook.com/PawPost.it) e su twitter (@pawposting).

Le foto sono di http://foto.fgiova.com/ che ha avuto la pazienza e l’amore per fotografare le nostre due belvette :-)

 

 

 

Pubblicato in Blog, Mao | 1 commento