pexels-amiya-nanda-790033

L’empatia è quindi la propensione, o disposizione, ad essere influenzato dagli stati emotivi di qualcun altro. E’ vedere una persona piangere e sentirsi immediatamente tristi.

Sono stati proprio dei neuroscenziati italiani, qualche anno fa, a dimostrare che alla base di tale meccanismo c’è una base neurologica, che viene rappresentata dai cosiddetti “neuroni specchio”. Si è fatta strada dunque l’ipotesi che l’empatia è una disposizione innata in alcune specie, soprattutto nei mammiferi.

Ci sono però due livelli di mentalizzazione dell’empatia:

Il primo grado è quello più conosciuto, e anche quello più facile da realizzare: fondamentalmente è mettersi nei panni dell’altro.

Applicare il secondo grado di empatia significa invece andare oltre l’immedesimazione e passare attraverso la conoscenza delle caratteristiche proprie del soggetto che mi sta davanti per cercare di capirlo meglio, di capirlo dal suo punto di vista.

Non è più immaginare come IO mi sentirei se fossi nei suoi panni, ma provare a sentire dentro di me come LUI si sente.

Questa capacità applicata alla relazione con un gatto significa in pratica cominciare a ragionare da gatto.

Diventare gatto.

Mettersi nella sua prospettiva, cominciare a guardare il mondo dal loro punto di vista e non più dal nostro.

Questa capacità tra l’altro è fondamentale non solo per comprendere meglio il loro comportamento ma anche per rinsaldare la Relazione giorno dopo giorno. Perchè se il cane può perdonare e soprassedere su una nostra eventuale mancanza di empatia di secondo grado, il gatto assolutamente no.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.