pexels-fox-1386422 (1)

Una delle domande più gettonate che mi fate è: come faccio a capire se il mio gatto vorrebbe un altro gatto? o ancora: io vorrei prendere un altro micio, come faccio a sapere se il mio gatto lo accetterà volentieri?

La risposta è sempre la stessa: NON LO POSSIAMO SAPERE. Ogni inserimento è, in qualche modo, un salto nel buio. Non c’è una formula precisa, non ci sono degli indicatori che mi facciano fare delle ipotesi plausibili o previsioni accurate. Questo perchè ogni gatto è un individuo unico e IRRIPETIBILE, con il suo carattere assolutamente peculiare.

Ci sono però dei fattori generici che possiamo considerare e che possiamo prendere come spunto per riflettere.

gatti

  • Innanzi tutto vi consiglio di non prendere un altro gatto come soluzione per la solitudine del vostro micio. Il rischio sarebbe quello di avere due gatti infelici invece che uno solo. La solitudine del nostro micio si modifica con la nostra presenza, con sessioni di gioco adeguate e mirate e con un cambiamento nel nostro stile di vita orientato a soddisfare le esigenze etologiche dei nostri amici felini.
  • L’età del proprio micio: più un gatto è anziano più avrà difficoltà a gestire lo stress iniziale dell’inserimento di un altro gatto nel suo territorio.
  • L’ambiente nel quale vivete, il quale dovrà essere sapientemente predisposto affinchè al gatto di casa siano garantite vie di fuga e zone di privacy per elaborare lo stress da inserimento.
  • La storia e le esperienze pregresse dei gatti coinvolti. Sappiamo infatti che i gatti ai quali è mancata l’esperienza di vivere con la mamma e con i fratelli nei primi mesi di vita possono presentare dei problemi e delle carenze di socializzazione per il resto della loro vita. Per questi soggetti accettare la presenza di un altro gatto potrebbe essere più difficoltoso di altri.
  • L’inserimento di un nuovo gatto è SEMPRE un momento di stress iniziale molto forte per il proprio gatto di casa che vivrà l’evento come un’intrusione e una minaccia al suo territorio. Quindi non abbiate fretta. Un buon inserimento è un processo che richiede calma e tempo. E ricordatevi sempre che le tempistiche le decide il gatto non voi.

Gattari, voi che esperienze avete?

[ah. Se volete approfondire il tema dell’inserimento ve ne ho parlato qui].

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.