american-shorthair-cat-2918491_1280

La notizia la diffonde la CNN, poche ore fa: finalmente i gatti di New York sono liberi di distruggere divani tende e poltrone con i loro lunghi artigli affilati! ebbene si, questo è un SACROSANTO diritto del gatto e chi non è d’accordo ha una sola cosa da fare. Decidere di NON adottare un gatto.

Infatti come riporta la CNN in questo articolo:

“Il Governatore Andrew Cuomo ha firmato un disegno di legge che vieta la pratica del “declawing”  facendo di New York il primo stato a emettere questa legge in pratica.

Vietando questa pratica arcaica, ci assicureremo che gli animali non siano più soggetti a queste procedure disumane e inutili, ha affermato Cuomo in una nota stampa.
Il disegno di legge, approvato dall’assemblea di stato a giugno, entrerà in vigore immediatamente, secondo l’ufficio del governatore.
La rimozione degli artigli di un gatto richiede l’amputazione parziale dell’ultimo osso in ciascuna delle dita delle zampe anteriori di un gatto. L’ufficio del governatore ha detto che i gatti spesso sforzano le articolazioni delle gambe e della colonna vertebrale in risposta alla rimozione, il che può provocare dolore cronico.
Nella dichiarazione, il vicecapo del senato Michael Gianaris ha confrontato la procedura con il taglio di un dito umano all’altezza della nocca.
Gli artigli dei gatti svolgono un ruolo importante in vari aspetti della loro vita, recita il disegno di legge. Quando una persona pratica il declawing su il suo gatto, di solito nel tentativo di proteggere i mobili, fa un danno fondamentale a quell’animale sia fisicamente che psicologicamente.”
gatto declawing
Altri stati hanno vietato formalmente la pratica del declawing, come l’Inghilterra, la Svizzera, Israele e per fortuna anche in Italia. Tuttavia alcuni veterinari, su richiesta insistente di alcuni proprietari di animali, la praticano ancora.
Ma i gatti non sono giocattoli e le loro unghie sono fondamentali per il loro benessere psicofisico. Ricordiamocelo sempre.
gatto declawing

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.