DSCF2667

Le lettiere per gatti sono diventate talmente indispensabili nella nostra vita di gattari che le diamo praticamente per scontato. Ma non sono sempre esistite! Prima infatti si usavano materiali derivati dalla combustione del legno, come la sabbia, la segatura o la cenere. Come potete facilmente immaginare questi prodotti non erano un granchè: non riuscivano ad assorbire quasi niente (nè odori nè liquidi) e in più erano molto sporcativi.

Fu Edward Lowe di Cassopolis nel 1947, figlio di un proprietario di negozio di prodotti assorbenti per l’industria, che ebbe l’idea del secolo: provare a mettere a disposizione dei gatti l’argilla granulata, utilizzata per assorbire le macchie delle perdite di olio nelle officine. Beh, fu un successone. Tanto che lasciò l’azienda di suo padre per fondare la Edward Lowe Industries un colosso milionario con un solo prodotto di punta, la prima lettiera per gatti (chiamata Tidy Cat).

Nel tempo i prodotti per le lettiere si sono evoluti moltissimo: sono nate le lettiere agglomeranti, assorbenti, a cristalli liquidi etc.

Da qualche anno sono state introdotte sul mercato anche le lettiere vegetali perchè ci siamo resi conto che l’impatto ambientale di queste sostanze stava cominciando a diventare notevole.

Ma quali caratteristiche hanno le lettiere vegetali rispetto alle lettiere normali?

  • Come dice la parola derivano da sostanze vegetali al 100%: sono prodotti o scarti della lavorazione del legno, della carta, della paglia o di altri materiali come ad esempio il mais.
  • Sono tutte biodegradabili: questo significa che sono compostabili nell’umido ed è possibile fare la raccolta differenziata.
  • Possono essere agglomeranti e le palle possono essere smaltite direttamente nel WC di casa. E qui scatta una precisazione doverosa. Quando leggete “facile da smaltire nel WC” ci si riferisce sempre ai rifiuti organici. Non è consigliabile invece versare tutta la la lettiera nelle nostre tubature (perchè anche se vegetale è comunque in grado di intasarle).
  • Sono prodotti anallergici che non rilasciano nell’ambiente polveri nocive. Sono quindi molto adattr per gatti e umani che soffrono di allergie.

lettiera vegetale gatto

 

In questo periodo con Ettore e Sissi stiamo provando una lettiera nuovissima appena uscita sul mercato: si chiama WeVegetal ed è una lettiera ecologica al 100% essendo realizzata utilizzando solo il chicco del mais. Grazie alla gomma xantana, un agglomerante di origine naturale, WeVegetal fa “la palla” come tutte le lettiere agglomeranti. Inoltre permette una pulizia migliore della vaschetta perchè riesce ad evitare che i liquidi arrivino sul fondo: quando farete la pulizia totale quindi è molto comoda perchè potrete evitare di raschiare il fondo della cassettina. C’è anche l’aggiunta di Olio di Neem, che io non conoscevo, ma pare essere un potente antibatterico naturale. Le palle prodotte da questa lettiera infatti riescono a trattenere anche i batteri, non solo la pipì.

La cosa che ci è piaciuta di più comunque è stata la consistenza: niente trucioli o sabbiolina, pur essendo una lettiera vegetale presenta una grana molto simile ai sassolini classici (e questo, almeno per Ettore e la Sissi, è molto rassicurante).

 

lettiera vegetale gatto

Insomma noi ci stiamo trovando molto bene. Come vi dicevo è appena uscita quindi se non la vedete in giro pazientate ancora un po’ oppure chiedetela al vostro rivenditore di fiducia!

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *