cat-661478_1280

 

Cosa significa mettere in sicurezza

Mettere in sicurezza  balconi e terrazze significa dare la possibilità al proprio gatti di averne accesso senza però correre il pericolo di cadere. Vi avevo già parlato della Sindrome dei Gatti volanti, ovvero di quell’insieme di traumi riportati dai gatti che cadono da finestre, tetti e balconi:  cosa che accade molto più spesso di quello che si potrebbe pensare. E i gatti non hanno sette vite, ne hanno una sola e spesso la perdono cadendo dai nostri appartamenti. Da qui deriva l’importanza fondamentale di mettere in sicurezza finestre, balconi e terrazze. Vediamo insieme come.

 

Come fare per mettere in sicurezza

Ma cosa serve per mettere in sicurezza la propria terrazza? ci sono diverse scelte possibili, anche in base al tipo di balcone e di terrazza.

  • Tende in pvc: un’opzione può essere rappresentata dal verandare il proprio balcone attraverso l’installazione di tende antipioggia e antivento in pvc. Non è molto consigliabile secondo me se abitate in un luogo dal clima caldo: infatti d’estate potrebbe impedire la circolazione d’aria e rendere il terrazzo sicuro si, ma praticamente inaccessibile per via della temperatura. Le foto che vedete qui sotto sono di amazon, che tra l’altro vende anche questi prodotti.
  • Reti protettive per gatti con rinforzo metallico: queste le potete trovare agevolmente su  zooplus  e devono essere ancorate al soffitto lungo tutto il perimetro del balcone, meglio se con l’aiuto di pali portanti o di telaio in legno. In alternativa si possono utilizzare anche delle semplici reti rigide a maglia stretta. L’importante è che abbiano del filo di ferro all’interno in modo da resistere ai morsi e alle unghie dei gatti. Anche l’ancoraggio è importante, perchè se il gatto decidesse di arrampicarvisi non devono cedere.
  • Pannelli in policarbonato: i pannelli in policarbonato per la loro struttura liscia impediscono al gatto di arrampicarsi. Possono essere messi da soli o in aggiunta ad una normale rete metallica, nella parte finale. Possono risultare utili per gatti tranquilli e anziani. Sono invece sconsigliate per tutti gli altri gatti in quanto non impediscono al gatto di saltare per andare a vedere cosa c’è oltre. In questo caso potrebbero risultare addirittura controproducenti. La foto qui sotto è di un adottante dell’associazione protezione micio.

terrazza in sicurezza gatti

 

Come ho messo in sicurezza la mia terrazza

Ovviamente questi sono indicazioni generali poi ognuno deve adattare la sua soluzione in base alla tipologia della sua terrazza e anche, perchè no, al carattere del proprio micio (più o meno scatenato).

Anche se non siete in grado di chiudere totalmente il terrazzo (a mo’ di gabbia per intendersi), dovrete assicurarvi che la parte finale sia alta e impossibile da scavalcare. I gatti infatti potrebbero arrampicarsi e cadere dal terrazzo. Questo può essere ottenuto con un rientro della rete stessa, che io vi consiglio di effettuare sempre.

Per quanto mi riguarda sono riuscita a mettere in sicurezza la mia terrazza applicando con dei tasselli al muro e alla ringhiera dei pannelli in legno sui quali abbiamo poi fissato una rete metallica che nella parte superiore si ripiega in avanti, evitando così che possa essere scavalcata. Il montaggio non è stato semplicissimo ma vi assicuro che il risultato è stato davvero soddisfacente. Adesso Ettore e la Sissi possono starci tutte le volte che vogliono in totale sicurezza.

terrazza sicurezza gatti

terrazza sicurezza gatti

terrazza sicurezza gatti

terrazza sicurezza gatti

Un’ultimissima considerazione: chiudere un terrazzo non significa renderlo noioso o poco gradevole per il nostro micio di appartamento. Lui apprezzerà moltissimo il fatto di essere fuori, di annusare l’aria fresca e, perchè no, di poter osservare attraverso la rete quello che accade fuori. Inoltre potrete sempre rendere la vostra terrazza più accattivante per lui attraverso degli accorgimenti di arricchimento ambientale, ad esempio mettendoci delle cucce per il riposo, un grattino e dei giochi.

Gattari, spero che questo post vi sia risultato utile e se avete ulteriori domande vi aspetto nei commenti. Buon lavoro!

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.