cat-987528_1280

 

Confessiamolo subito: la religione non è il mio forte. Però qualcosina la so anche io. Ad esempio che il 17 gennaio si festeggia Sant’Antonio Abate protettore degli animali domestici, il 17 marzo  (insieme a San Patrizio) si festeggia  Santa Gerturde, la protettrice dei gatti e il 4 ottobre, per San Francesco, si festeggia la Giornata Mondiale degli Animali.

santa gertrude

Il culto di Sant’Antonio Abate fu molto sentito nell’antichità tanto che già all’epoca furono istituite delle vere e proprie cerimonie di benedizione degli animali (sia da stalla che cani e gatti). Un appuntamento che ancora oggi in alcune zone d’Italia viene mantenuto, proprio in occasione di questa data, il 17 gennaio (giorno di ricorrenza della morte di Sant’Antonio).

Sant'Antonio Abate

Ma c’è anche una curiosità che si lega a questa giornata.  Secondo antiche leggende, proprio durante  la notte del 17 gennaio (e solo in questa occasione) agli animali veniva donata la facoltà di parlare. Durante queste ore la distanza tra uomini e animali si accorciava e i due mondi si trovavano ad essere incredibilmente vicini.

A questo punto la domanda scatta spontanea: gattari ditemi, secondo voi i nostri gatti, potendo parlare, durante questa notte cosa ci direbbero?

Secondo me: svegliati subito e aprimi la scatoletta. :-)

2 commenti a: 17 gennaio: la notte dei gatti parlanti

  1. tomaso

    Cara Elena, so che i gatti anno in senso di percezione e spesso ci ascoltano.
    Ciao e buona giornata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    • Elena

      certo che ci ascoltano e ci capiscono anche! a breve farò proprio un post su questo! ciao Tomaso!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.