HPIM0915

Il gattofilo turista è uno strano viaggiatore. Oltre ai monumenti tende a fotografare ogni animale a quattro zampe gli si presenti davanti. Anche se è andato via da poche ore si commuove vedendo un gatto per strada o sul balcone di una casa. Tormenta il proprio patner con domande tipo “cosa starà facendo adesso Pussy?”, “avrà mangiato?”. Cerca, compra e torna a casa con ricordi del luogo dove immancabilmente c’è raffigurato anche un gatto. Ma il gattofilo turista è capace di spingersi anche oltre: potrebbe scegliere le mete del suo viaggio in base alla “felinità” del luogo. Ad esempio Instanbul con i suoi innumerevoli gatti che la popolano, oppure Malta,  detta anche l’Isola dei Gatti.

E poi chiamano continuamente casa. Per sentire come va la situazione, dicono rimanendo sul generico. Ma la verità è che ogni gattofilo viaggiatore lascia sempre un pezzetto di cuore a casa, accanto al suo micio.

2 commenti a: Il gattofilo in viaggio

  1. maura

    Quanto è vero…
    E per quanti gatti hai, per quanti ninnoli,libri,foto hai continui ad aumentare la “raccolta”, non ne hai mai abbastanza.
    Perchè quando si ama, lo si fa senza confini, senza limitazioni.
    Un abbraccio.

  2. gigliola

    Mi ci vedo proprio in questo gattofilo turista, in giro per il mondo, ma con la testa a casa, a pensare a cosa fanno i mici. Telefonate al mattino, al pomeriggio e sera, insomma sempre a ricaricare il telefonino, e poi tornati a casa, li ritrovi calmi e tranquilli, e dici: però , visto che si può fare, ad andare in ferie intendo. E pensi : bè la prossima volta staremo piu’ traquilli, invece se ritorni in ferie la procedura sarà sempre la stessa: telefono- casa!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *