twocats

Un incontro con uno sconosciuto. Una rapida occhiata alla sua giacca. Peli di gatto sparsi in ogni dove. Lui mi guarda e vede la stessa cosa sul mio maglione. Ci siamo “riconosciuti”. Hai anche tu un gatto? Si, mi chiamo Elena, ho due gatti e sono una gattofans.

I gattofili si annusano subito tra di loro. Ed hanno anche un loro modo di chiamarsi e di identificarsi. “Gattara/o” è il termine più comune per indicare una persona amante dei gatti.  Ma ne esistono per tutti i gusti.

C’è chi non rinuncia all’aria intellettuale ed utilizza il termine “ailurofili”, parola di origine greca.

C’è chi ama il suono inglese, perchè pensa che l’effetto finale sia migliore, e si definisce “cat lovers”.

C’è chi vuole sottolineare la sua assoluta dedizione al felino e si fa chiamare “gattodipendente” (o, sempre nella versione inglese, “cat addicted”).

C’è chi non ha paura di fare della felinità una religione e addirittura si proferisce “gattolico praticante”.

C’è chi, come Margherita Hack in un’intervista di qualche anno fa, alla domanda “di che segno sei?” risponde “del segno del gatto”.

C’è chi come me, ama definirsi una gattofans. Il perchè di preciso non lo so. E’ un nome che ci siamo date con delle amiche qualche anno fa e ci sono affezionata.

2 commenti a: “Gattofans”

  1. Nicoletta

    Quelli che a fare la spesa si guardano nel carrello e si sorridono… 😀

  2. Michaela

    E che nel corridoio degli alimenti per animali si dicono: “ma il/i suo/oi questa la mangia?”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *