cat-659426_1280

 

Gli animali sono capaci di provare sentimenti ed emozioni proprio come noi. Chi ha il privilegio di vivere con un animale lo sa benissimo. Questo vuol dire che i nostri gatti possono soffrire anche di solitudine se lasciati troppo soli. Parlo soprattutto per i mici che vivono in appartamento e che hanno meno possibilità di distrarsi e di fare attività all’aperto.

Ma come riconoscere un micio che soffre di solitudine?

Diciamo che non ci sono dei sintomi precisi,  occorre un po’ leggere i suoi comportamenti. Per iniziare può essere utile fare il calcolo di quante ore giornaliere resta solo il vostro gatto. Se sono più di otto e vive in un appartamento da solo cominciano ad essere un po’ troppe e il rischio solitudine e depressione può essere dietro l’angolo. Inoltre osservate il suo comportamento quando tornate a casa. Sentite il suo miagolio fin da fuori la porta? quando mettete piede in casa vi segue e non vi molla più? anche questi potrebbero essere sintomi da considerare. Così come la cosiddetta aggressività da gioco, ovvero la tendenza che hanno certi gatti di mordere le persone mentre stanno giocando oppure anche improvvisamente, senza alcun motivo. Potrebbe essere una richiesta di aiuto e un desiderio di giocare con un loro pari.

Bene, cosa fare se sospettate che il vostro gatto potrebbe soffrire di solitudine?
Passare più tempo con loro: è la regola n 1 , la più importante e la più basilare. Lo so che alcuni impegni, come quelli lavorativi, ci portano inevitabilmente a passare molte ore fuori casa. E poi c’è la palestra, le cene con gli amici, la discoteca et etc. Purtroppo i vostri gatti lasciati soli troppo a lungo si annoiano moltissimo. Quindi occorre organizzare le proprie giornate e il proprio tempo (anche rinunciando a qualcosa aihmè)  per riuscire a trascorrere un po’ più di tempo in casa con lui.

Arredare una casa a misura di micio: ovvero rendergli la casa più confortevole possibile. Il che non vuol dire di riempirla di cucce per dormire, ma anche di altri complementi d’arredo che possano distrarlo e rendergli la vita d’appartamento più a misura di gatto. Ad esempio vi consiglio di acquistare gli alberi di appartamento (ce ne sono tantissimi in vendita su zooplus) o di alcune mensole apposta per lui, in modo che possa esplorare il territorio anche in verticale. Lasciateli inoltre libero accesso a tutte le zone della casa.

Giocare con lui: comprargli giochini è importante ma da soli sono poco divertenti. Un topino di stoffa inerte sul pavimento non è granchè per un micio. Dovete animarlo voi, con la vostra creatività e il vostro impegno: riempitelo di catnip, oppure legatelo ad un filo e fatelo girare per la casa. Insomma dovete trovare il tempo da trascorrere INSIEME al vostro gatto, giocando e facendogli le coccole.

gatto
Mai pensato ad un fratellino?: Pensare seriamente a trovargli un campagno o una compagna. I gatti soli in appartamento si annoiano facilmente: avere un altro micio con cui condividere le giornate può essere una cosa molto bella. E non fatevi spaventare dalle iniziali baruffe, sono normali. Poi vedrete che le cose cambieranno e si faranno compagnia a vicenda.

Visto che stiamo andando verso la stagione estiva già ve lo dico: organizzatevi bene le ferie. Non è prudente lasciare un gatto solo in appartamento per più di una settimana. Pensate dunque a soluzioni alternative, come portarlo da qualcuno che lo può tenere temporaneamente o assumere un cat sitter che oltre a dargli da mangiare possa anche trascorrere qualche ora a giocare con lui.

4 commenti a: Anche i gatti soffrono la solitudine

  1. patrizia

    condivido pienamente…e grazie per questo articolo, perchè quando raccontavo che i gatti in modo particolare quelli che vivono negli appartamenti, possono soffrire di solitudine …..venivo considerata una matta.

    • Elena

      macchè matta! anzi! :-)

  2. Pamela

    Buongiorno, ho una gattina da 3 mesi e già mi sento tanto in colpa. Rientro spesso a casa (tra lavoro, palestra e uscite) ma ho la sensazione che la gattina (che però non vuole altri gatti) si annoi tanto. Inoltre ogni volta che devo uscire si mette davanti alla porta e miagola non lasciandomi uscire. Ma il problema è che io amo viaggiare e questa estate andrò via 10 giorni (per poi rientrare, ripartire per altri 3-4 giorni, rientrare e ripartire per altri 3-4 giorni). L’ho lasciata sola (accudita da una cat sitter) per una settimana e non di più. Cosa devo fare? non riesco a vivere questa relazione serenamente perchè mi sento troppo in colpa……non so cosa fare. grazie. Pamela

    • Elena

      pensare di prendergli un compagno di giochi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *