Ieri non ho resisto e sono andata al cinema a vedere Pets, il film di animazione presentato all’ultimo Cinema di Venezia, uscito nelle sale qualche giorno fa e già in testa a tutte le classifiche dei botteghino. Ma quali sono i motivi del successo di questo film e quali sono i miei motivi personali per i quali vale la pena di pagare il biglietto e andare a vederlo? Io ne ho trovati cinque, senza fare spoiler ovviamente.

1- Niente è come sembra e tutto è possibile: un coniglietto batuffoloso può essere a capo di una banda sanguinaria e chiunque, anche un cane disabile o una canina dolce e paurosa possono riuscire a sfoderare, nel momento giusto, tutto il loro coraggio per salvare un amico. Anzi, proprio come spesso accade nella vita sono proprio gli insospettabili a riservare maggiori sorprese!

 

coniglietto snowball pets

Pets

personaggi pets

2- Le avventure uniscono. La storia di Pets prende origine da una dinamica che noi definiremmo di ambientamento. La padrona di Max infatti  adotta un altro cane, Duke e tra i due nasce una rivalità. Ma il trovarsi per caso a vivere un’avventura insieme e ad affrontare delle difficoltà superandole riuscirà ad unire i due cani. Perchè con un po’ di pazienza e amore nelle case in cui ci si vuole bene c’è sempre posto per tutti.

 

Max, Duke Pets

3- Cosa fanno i nostri animali mentre noi non siamo a casa?  Perchè dai, riuscire a rispondere a questa è una domanda ci piacerebbe a tutti. La curiosità in effetti è tanta. Spesso capita a chi possiede un gatto di lasciarlo in una posizione e di ritrovarlo, ore ed ore dopo, nella stessa posizione. L’idea che ci facciamo è che probabilmente non si sarà mosso di un millimetro.  Ecco, Pets insinua nella nostra mente che le cose non siano proprio così…

Non solo: questo film fa riflettere sul fatto che gli animali soffrono la nostra mancanza ma hanno anche delle risorse insospettabili. Infatti mentre la padrona di Max e Duke è al lavoro ne succedono di tutti i colori. Max e Duke si perdono e devono affrontare varie peripezie prima di tornare a casa.  Ma la cosa più bella è che, qualunque cosa succeda “nel mezzo”, quando noi torniamo a casa loro sono lì, felici di rivederci. Perchè un gatto trasforma davvero il ritorno in una casa vuota nel ritorno a casa.

 

max

 

4- La caratterizzazion dei personaggi. Ovviamente Cloe è la mia preferita. Impossibile non riconoscere qualcosa del proprio gatto in lei. Nel modo sprezzante con cui con la zampa spazza via la ciotola dei croccantini dietetici o nella superiorità con cui affronta la vita. Personalmente è il mio nuovo idolo: la gattona con il culone stratosferico, con una logica felina che stende tutti.

Cloe Pets

Cloe e Max

5- Non dimentichiamoci mai che anche se siamo grandi e vaccinati che ogni tanto vedere i cartoni animali fa bene alla salute, fa tornare bambini, sgombra la mente e fa riflettere senza prenderci troppo sul serio.  Secondo me tutti dovremmo farlo, di tanto in tanto.

 

pets

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *