love-710593_1280

In passato per la notte di Capodanno si accendevano fuochi per illuminare la notte buia e tenebrosa che incuteva timore e si era soliti fare un gran rumore per scacciare i demoni. Si credeva infatti che producendo del frastuono mostri e fantasmi si spaventassero e andassero via. Inoltre fare rumore era considerata una forma scaramantica di rottura con il passato, per lasciare tutto alle spalle e ricominciare un nuovo anno.

Poi con il passare del tempo questa consuetudine si è trasformata nell’abitudine di sparare fuochi di artificio o petardi.

Nel 2015 i botti sono una tradizione che non ha più senso perchè sappiamo che i demoni non esistono, perchè le nostre città non sono poi più così buie e perchè l’esperienza ci ha dimostrato che sparando petardi si può rimanere menomati o addirittura morire.

Infatti forse non tutti sanno che questa forma di “divertimento” ogni capodanno costa la vita a molti esseri viventi, non solo agli esseri umani, tant’è vero che molti comuni li stanno vietando.

Si stima che quasi 5mila animali moriranno durante gli scoppi di mezzanotte: tantissimi saranno gli animali spaventati, che si allontaneranno e scapperanno dalle loro abitazioni

Pensate ancora che i botti siano sempre una buona idea?

Noi degli Amici di Chicco insieme a Petme.it abbiamo pensato che l’unico modo in cui ci piace iniziare il nuovo anno è con un botto di baci. Se siete dei nostri pubblicate su Facebook o Instagram una vostra foto mentre baciate il vostro amico animale e taggatela con #menobottipiùbaciotti. La più bella sarà pubblicata online su La Nazione il 4 gennaio.

E poi i botti Non vanno neanche più di moda. Giuro. Lo dice anche la fashion blogger Irene’s Closet !


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *